Lingua: Italiano
Zermatt. No matter what
 
siete qui: _ Home _ Novità/eventi _ Presscorner _ Zermatt Geschichten

Quello che avreste sempre voluto sapere sulle nostre auto elettriche

L’auto elettrica di Zermatt ha una forma caratteristica, funziona senza motore a combustione, non emette gas di scarico, è prodotta in loco come pezzo unico ed è diventata il sinonimo della mobilità del paese. La località ai piedi del Cervino è da sempre "senz'auto", ma il traffico c'è lo stesso, anche se il pedone resta il sovrano delle stradine di Zermatt, come si legge anche nell'articolo 3 del regolamento comunale sul traffico.
 
L’albergatore Dr. Alexander Seiler II è stato il primo a portare a Zermatt un mezzo motorizzato a quattro ruote, presumibilmente nel 1910, in tutto il Vallese. Nei territori alpini d’alta quota, ai piedi del Cervino, l’auto tradizionale però non si è mai imposta ed è stata l’auto elettrica a fare la marcia trionfale. Sembra che la prima auto di questo tipo sia stata vista nel 1947, con una carrozzeria con timone come se ne vedono ancora oggi. La grande svolta è avvenuta negli anni Settanta. Fino ad allora i “Mattini” e i loro ospiti si muovevano a piedi o in carrozze trainate da cavalli. Ce n’erano 40 a un cavallo e 4 a due cavalli. Oggi ne sono due per tipo, gestite da Werner Imboden, dal Zermatterhof e dal Mont Cervin Palace. E’ rimasta la rete di percorsi della vecchia Zermatt, fiancheggiata da pareti rocciose che creano un confine naturale. Comunque il paese cresce, per sei - otto settimane all'anno si fermano a Zermatt fino a 30`000 persone, senza contare le presenze di un solo giorno. La domanda aumenta e quindi nascono nuovi hotel e attività commerciali che hanno necessità di un'auto elettrica per garantire il trasporto degli ospiti e della merce. 
A Zermatt sono immatricolate più di 500 auto, per la maggior parte costruite da Stefan e Bruno Imboden nella loro officina nella Bodmenstrasse – un altro mondo, non lontano dalla stazione, dove si prendono cura di Belona, uno dei tre cavalli di Zermatt, riparano auto elettriche durante il giorno e ne realizzano di nuove, con mesi di lavoro, su richiesta dei clienti. I fratelli Imboden fanno saldare la carrozzeria nella loro officina a Niedergestein nella Rhonetal.
La forma del telaio e le misure di 1,40 per 4 metri sono indicate dal Comune e ciò fa sì che i mezzi di trasporto nel paese ne siano anche un segno distintivo. Una sfida per i costruttori, dato che tram, autocarri, autobotti e altri veicoli fino a 3600 chilogrammi di capacità di carico devono essere creati in pochi metri cubi. Un capolavoro per polimeccanici, elettricisti e fabbri, quello del costruttore di auto elettriche effettivamente non è un lavoro che si impara a scuola.
Le prime auto, costruite nel 1977, viaggiano ancora oggi perché la tecnica è di ottimo livello e la carrozzeria è di alluminio, il che impedisce la corrosione e fa risparmiare peso. Con i loro 2000 chilogrammi di peso le auto elettriche appoggiano bene sulle strade innevate dell’inverno. La loro vita è di 30 - 40 anni e anche per questo l’auto di Zermatt non è proprio economica: può costare tra 65`000 e 90`000 CHF, per allestimenti speciali anche fino a 120`000 CHF.
Il pezzo clou è costituito dalla batteria. La corrente viene immessa dalla rete domestica e, a seconda dell’età della batteria, del carico ammesso, del tipo di guida, della stagione e della pendenza della strada, essa deve essere ricaricata giornalmente o ogni due giorni. Ogni ricarica costa da tre a cinque CHF di corrente, a cui vanno aggiunti i costi di acquisto tra 6000 e 7000 CHF. La vita di una batteria varia dai quattro ai dodici anni. 
Bruno Imboden non ritiene che il prodotto possa diventare un successo da esportazione: “Noi vorremmo restare una piccola azienda”. 

Didascalia: 
L'immatricolazione di un'auto elettrica segue un rigoroso processo di autorizzazione.
I viaggi privati sono vietati. 

Quando lampeggianti e sirena sono accesi contemporaneamente, la polizia municipale viaggia, con la dovuta attenzione, più velocemente. 

Nel 1910 la prima auto con motore a combustione è arrivata a Zermatt. Un modello che non si è imposto. 

Finché l’auto non è stata inventata, andare a piedi non era una questione di stile, bensì una necessità. 

Werner Imboden presenta il pezzo clou dell’auto elettrica: la batteria, con una tensione da 48 a 80 Volt.

Zermatt Tourismus | Tel +41 27 966 81 00 | info@zermatt.ch