Lingua: Italiano
Zermatt. No matter what
 
siete qui: _ Home _ Zermatt / Cervino _ In mezzo a 38 4mila

In mezzo a 38 4mila

Zermatt è stata scoperta a metà del 19. secolo, nell'epoca dell'alpinismo d'alta montagna. Quasi un terzo di tutti i 4000 delle alpi sono raggruppati attorno al paese, che dalla prima ascensione del Matterhorn nell'anno 1865 viene visitato da parte di alpinisti di tutto il mondo. A quei tempi è nato un mito: Zermatt e Matterhorn, questi nomi hanno fatto il giro di tutto il mondo e hanno illustrato il luogo quale mecca degli alpinisti.

Questo è quello che a tutt'oggi è Zermatt: più di 3000 alpinisti all'anno hanno salito il Matterhorn, molto di più le altre 37 vette. Ma ognuna di queste vette attorno a Zermatt ha le sue caratteristiche, la sua storia, il suo mito. Imparate a conoscere – su questa pagina - tutte le nostre montagne!


La Punta Dufour è la vetta più alta della Svizzera, E una delle nove vette principali del massiccio del Monte Rosa. È in competizione con il Dom, la montagna più alta su tutto il territorio svizzero. Nel 2005 è stato festeggiato il 150 anno: il consigliere federale Joseph Deiss è salito sulla vettap artendo dalla vecchia capanna del Monte Rosa con le guide alpine, i discendenti dei primi salitori, in un tour di sette ore, e là si è incontrato con il ministro italiano delle politiche agricole Giovanni Alemanno. 
Per saperne di più >>


La Felikhorn è un 4000 poco appariscente. È situato a sud-ovest del Felikjoch che può essere raggiunto in tre ore dalla nuova capanna del Monte Rosa o in un’ora e mezzo dalla capanna del CAI, il rifugio Quintino Sella. Il Felikjoch è il più alto attraversamento turistico delle alpi. Esso collega la Mattertal con la Valle di Gressoney o la nuova capanna del Monte Rosa con la capanna Quintino Sella attraverso lo Zwillingsgletscher e il Felikgletscher. È utile soprattutto per coloro che salgono dalla capanna Sella al Castor o al Liskamm.
Per saperne di più >>


Quattro punte in un’unica escursione e il Grenzgipfel è una di queste. La cresta che porta alla Punta Dufour, la vetta più alta della Svizzera, presenta quattro rilievi: la spalla, il ghiacciaio del Grenz, la Ostspitze e appunto la Punta Dufour. La prima ascesa del Grenzgipfel si riferisce dunque a quest’ultima. I Quattromila meno importanti che si superano lungo il percorso che porta sulla Punta Dufour venivano spesso scambiati tra di loro nelle cartine e nelle guide.
Per saperne di più >>


L’Hobärghorn è la terza vetta da 4000 della Nadelgrat, insieme al Nadelhorn, al Stecknadelhorn, al Hohbärghorn e al Dirruhorn – in direzione nord-ovest del massiccio del Mischabel, situato in posizione nascosta fra Saas-Fee e Randa.
Per saperne di più >>


La Lenzspitze fa parte del gruppo del Mischabel ed è la vetta più isolata della Nadelgrat una cresta d’alta quota con estensione nord-sud, situata a nord del Dom. È la quarta montagna della catena del Mischabel. Dal punto di vista della forma la Lenzspitze è una delle più conosciute vette delle alpi – una piramide dalle linee perfette con angoli vivi e superfici in forte declivio.
Per saperne di più >>


Il Liskamm (spesso anche Lyskamm) si trova a ovest del gruppo del Monte Rosa. La cima orientale (4‘527 m s.l.m.) è il punto più alto della cresta lunga parecchi chilometri che corona la parete nord-est coperta di ghiaccio di quasi 1000 m di altezza. Le salite sulla cresta sono lunghe e pericolose poiché la cresta è spesso coperta di moltissima neve, anche se le salite non siano tecnicamente di particolare difficoltà.
Per saperne di più >>


La Ludwigshöhe è una delle nove vette inequivocabilmente definita una vetta del massiccio del Monte Rosa. Lungo la stessa si snoda il confine nazionale fra l’Italia, la regione Valle d'Aosta e Piemonte, e la Svizzera. Sul versante italiano, verso sud-est scende ripidamente in direzione del ghiacciaio delle Piode.
Per saperne di più >>


Il Nadelhorn è insieme al Stecknadelhorn, l’Hobärghorn e il Dirruhorn la vetta principale di un totale di 4 Quattromila, che tutti insieme, formano la Nadelgrat. Sono posizionati in modo nascosto, in direzione nord-ovest del gruppo del Mischabel, fra Saas Fee e Randa. La loro  traversata è ritenuta una delle più belle escursioni in cresta delle alpi. Sotto la vetta si trova un caratteristico buco naturale nella roccia. In inverno, il Nadelhorn può essere salito con gli sci dalla Bordierhütte attraverso il Windjoch.
Per saperne di più >>


Il Nordend è la seconda vetta in ordine di altezza in Svizzera, vetta secondaria della Dufourspitze (Punta Dufour) e il 4000 più a nord del Massiccio del Monte Rosa. Sul lato nord e nord-ovest è attorniato da ghiacciai e il suo aspetto imponente è veramente impressionante.
Per saperne di più >>


L’Obergabelhorn fa parte dell’imponente catena di 4000 fra la Nikolaital e la Val d'Anniviers, da sud-ovest verso nord-est: la Dent Blanche, l’Obergabelhorn, lo Zinalrothorn e il Weisshorn. Notevole la differenza fra la parete nord e quella sud: la parete nord è completamente ricoperta di neve e ghiaccio ed è di forma piramidale uniforme. La parete sud, volta verso la Nikolaital, è rocciosa e presenta la forma a forcella.
Per saperne di più >>



Zermatt Tourismus | Tel +41 27 966 81 00 | info@zermatt.ch