Lingua: Italiano
Zermatt. No matter what
 
siete qui: _ Home _ Novità/eventi _ Presscorner _ zermatt_stories

140 anni della chiesa inglese a Zermatt

Il 26 giugno 2010, la chiesa anglicana di St. Peter festeggerà i suoi 140 anni di esistenza. Per Zermatt, essa è più di una chiesa: è parte integrante della storia zermattese e della tradizione dell’alpinismo, dell’ospitalità e del cosmopolitismo. Essa è veramente un prodotto del suo tempo: Nell’”età d’oro dell’alpinismo“ e nel periodo pioneristico del turismo zermattese, gli inglesi rappresentavano di gran lunga la più grande percentuale dei visitatori. Non c’è da meravigliarsi se, nell’era vittoriana in cui la religione e la religiosità avevano un grande significato, sussistesse il desiderio degli inglesi di avere una chiesa anglicana. Questo desiderio fu ben compreso dagli zermattesi per i quali religione e chiesa costituivano un elemento importante della comunità.

Così, già dal 1862, si tenevano di domenica funzioni religiose protestanti per gli ospiti di lingua inglese nell’Hotel Monte Rosa e nell’Hotel Mont Cervin. I primi progetti per la costruzione di una chiesa inglese si svilupparono nel maggio del 1865 con l’allestimento, allo spesso tempo, di una lista delle donazioni. I due albergatori, Alexander Seiler e Joseph Clemenz, si registrarono per primi sulla lista, nonostante entrambi fossero cattolici, poiché il progetto corrispondeva al loro comportamento ecumenico e di apertura al mondo. La tragica fine della prima ascesa del Cervino, non pregiudicò l’edificazione di una propria casa del Signore, anzi la rafforzò ancora di più: il marchese di Queensberry, il capo della famiglia di Lord Douglas e i parenti di Douglas Hadow donarono subito grosse somme. Già cinque anni dopo l’inizio della lista delle donazioni, il 29 giugno 1869, fu posata la prima pietra per la chiesa inglese. L’anno dopo, il 29 giugno 1870, ebbe luogo la prima funzione religiosa. Il 6 agosto 1871, la chiesa fu inaugurata dal vescovo Edward Parry di Dover. Al grosso festeggiamento parteciparono non solo gli ospiti, ma anche la gente locale.

I costi di costruzione ammontarono a 1‘575 lire sterline inglesi. L’importo potrebbe sembrare oggi molto modesto, ma per l’epoca di allora si trattava di una somma considerevole, se si pensa poi che essa fu il frutto di donazioni spontanee. Da allora, la chiesa è stata rinnovata più volte. Da annoverare il finanziamento per il rifacimento del tetto nel 1925 da parte dell’Alpine Club of Great Britain, in memoria dei suoi soci morti. Un altro restauro della chiesa fu realizzato tra il 1997 e il 2000.
All’interno di questa chiesa storica si trovano numerose lapidi commemorative di scalatori strettamente legati a Zermatt e alle sue montagne. Sotto l’altare maggiore sono seppelliti i resti mortali del Reverendo Charles Hudson, che precipitò durante la prima scalata del Cervino. La chiesa possiede inoltre la bibbia e il libro delle preghiere che egli aveva utilizzato, come parroco militare, durante la guerra di Crimea.

L’assistenza spirituale degli ospiti protestanti di Zermatt viene garantita dall’Intercontinental Church Society. Gli ecclesiastici provenienti dall’Inghilterra cambiano ogni due settimane e, ancor oggi, hanno un compito importante. Non officiano solo le funzioni religiose e operano in occasione di matrimoni e battesimi, ma danno conforto ogni giorno e aiutano tutte le volte che sia necessario.

La funzione religiosa per il 140° anniversario dell’esistenza della chiesa avrà luogo domenica 11 luglio 2010 alle ore 10 nella chiesa evangelica a Zermatt. Gli interessati possono annunciarsi per i festeggiamenti al seguente indirizzo: ajskuse@ics-uk.org

Chiesa inglese in inverno © David Healey ARPS

Veduta dell'interno © David Healey ARPS

Zermatt Tourismus | Tel +41 27 966 81 00 | info@zermatt.ch