Lingua: Italiano
Zermatt. No matter what
 
siete qui: _ Home

La vecchia capanna del Monte Rosa non c‘è più

Il 14 luglio 2011 l’esercito svizzero ha fatto brillare la vecchia capanna del Monte Rosa del CAS. Con questo atto, un toccante capitolo della storia della capanna del CAS fa oramai parte del passato.

La nuova capanna del Monte Rosa risplende dal mese di settembre 2009 come un cristallo nel mondo roccioso del massiccio del Monte Rosa e attira alpinisti da tutto il mondo – per il suo design e la sua autarchia in campo energetico. 

Il permesso di costruzione per la nuova capanna è stato vincolato alla condizione che la vecchia capanna del CAS sparisca dal mondo alpino. E questo ora è un fatto compiuto. Con mezzo quintale di esplosivo l’esercito svizzero ha messo fine ad una costruzione più che centenaria. Ora la vecchia capanna del Monte Rosa esiste unicamente nelle teste di molti. Certamente nelle migliaia di teste di quegli alpinisti che avevano fatto della vecchia capanna del Monte Rosa una delle più frequentate capanne del CAS del territorio alpino. 

Il mondo cambia
Il Walliser Bote (WB), la NZZ e la Radio DRS hanno dedicato alla vecchia capanna dei veri elogi funebri. Il WB ha citato così la relazione di Peter Planche della sezione del CAS Monte Rosa: „la capanna si è accartocciata di botto. Rimane solo un mucchio di sassi. Un pezzo di storia dell’alpinismo finisce qui. Ma occorre ammettere che i tempi cambiano. Cosa si vuole fare? La NZZ si è concentrata su molti temi storici. Nell’edizione del 13 luglio si poteva leggere che “della capanna Bétemps di un tempo con i suoi 20 posti letto …” nel 1940, dopo una delle molte ristrutturazioni è sorta la vera e propria capanna del Monte Rosa. Situata su un’isola rocciosa di due ghiacciai confluenti, con vista libera sulla imponente parete orientale del Cervino, secondo la NZZ la capanna del Monte Rosa diventò ben presto una beniamina dei frequentatori delle montagne. In diverse tappe di ampliamento l’alloggio raggiungibile dal ghiacciaio del Gornergrat dopo una camminata di più ore, è stato portato a 160 posti letto. „Nel 1982, con oltre 10'000 pernottamenti, è stata raggiunta la punta massima“, scrive ancora la NZZ. Ma l’esigua disponibilità di posti a tavola – solo 70 – e un numero carente di impianti igienico-sanitari hanno fatto sì che, alla fine, si sia dovuto prendere in considerazione la costruzione di un nuovo edificio. 

Libro consigliato 
„Monte Rosa – Königin der Alpen“  (Regina delle alpi), di Daniel Anker e Marco Volken, casa editrice AS.

Ecco cosa resta della vecchia capanna del Monte Rosa. (Foto: VBS)

La nuova capanna del Monte Rosa

Zermatt Tourismus | Tel +41 27 966 81 00 | info@zermatt.ch